Most Popular


Nancy Brilli sulla "pizza" a Paolo Virzì: "Mi sono sentita offesa"
L'ultimo giorno dell'anno 2019 targato Rai ha riservato ai telespettatori diversi momenti di dibattito. Dello scorso 31 dicembre fa discutere, ... ...





Coronavirus, l'Italia si ferma tra chiusure e divieti

Rated: , 0 Comments
Total hits: 5
Posted on: 02/23/20

In primis chiudono le scuole. Nel Lodigiano, ma anche in altre zone della Lombardia, come a Cremona, a Crema (Milano). E ancora a Piacenza, ma anche in Trentino almeno fino a martedì. Il presidente della Provincia autonoma di Trento ha disposto la chiusura per il 24 e il 25 febbraio sia degli asili nido sia dell'università, comprese biblioteche e aule di studio, e delle Fondazioni Mach e Bruno Kessler. Nella zona dei Colli Euganei i sindaci hanno disposto la chiusura delle scuole fino a mercoledì. Inoltre, in Lombardia e in Veneto sono state sospese le attività universitarie.

 

Anche l'Università di Ferrara chiude per una settimana, fino al 1° marzo. Lo ha deciso l'ateneo, per ridurre le possibilità di contagio. La decisione, presa d'intesa con il sindaco Alan Fabbri, è stata assunta "considerando la prossimità territoriale, nonché la presenza presso Unife di oltre 7.200 studenti veneti", allineandosi così alla decisione presa dall'ateneo di Padova. Sono annullate tutte le attività didattiche (lezioni, esami e sedute di laurea, sale studio e biblioteche) previste nella settimana. Tali attività. fa sapere l'ateneo ferrarese "saranno recuperate secondo tempi e modalità che saranno comunicate appena possibile. Anche le date e le scadenze del calendario accademico saranno adeguate di conseguenza".

 

Resta poi il dubbio: gite sì o gite no.  Se l'Anp, l'associazione nazionale dei presidi, chiede lumi al ministero della Salute perché fornisca "precise indicazioni in relazione allo svolgimento dei viaggi di istruzione" nelle Regioni c'è chi ha giocato d'anticipo vietandole: è il caso del presidente della Campania Vincenzo De Luca che, d'intesa con l'Ufficio Scolastico Regionale, ha invitato i dirigenti delle scuole a sospendere l'organizzazione delle gite scolastiche per motivi precauzionali. Un orientamento che - in attesa del pronunciamento del ministero - potrebbe essere presto imitato da altre regioni. Nel mentre la Provincia autonoma di Trento ha già deciso: sospese le gite scolastiche fuori Trentino sul territorio italiano; nel contempo la giunta provinciale ha chiesto al governo di bloccare le gite scolastiche verso il Trentino.

 

Gli ospedali e le carceri - A Pavia, sono stati sospesi i ricoveri programmati al San Matteo. Il Molise ha stabilito che chi proviene dalle aree della Lombardia e del Veneto interessate dall'epidemia debba comunicare la propria presenza all'autorità sanitaria locale. Intanto, il Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria (Dap) ha disposto il divieto di accesso alle carceri di tutti coloro che vivono nelle zone di focolaio, compresi gli operatori penitenziari.

 

Divertimenti sospesi - Non solo le manifestazioni legate al Carnevale non passano l'esame coronavirus. A Piacenza è stata decisa la chiusura di discoteche e locali di intrattenimento in città e in provincia. L'ordinanza, in vigore al momento fino al 25 di febbraio, è giunta al termine del secondo summit in prefettura per fare il punto della situazione. Si tratta - è stato specificato - di una misura preventiva attuata in via cautelare. Sono esclusi dall'ordinanza, al momento, i bar, i pub e i ristoranti.

 

Cancellata la festa di Radio Deejay a Milano. L'annuncio via social di Linus: "Amici, a malincuore, ma devo dirvi che abbiamo deciso di annullare la festa di martedì. Le notizie di queste ultime ore ci hanno portato a decidere che è meglio rinunciare a un momento così bello e privilegiare la salute di tutti". Il party era in programma all'Alcatraz di Milano il 25 febbraio. "Mi dispiace, perché avevamo speso già tempo, soldi ed energie, ma, ripeto, la salute, la sicurezza e la tranquillità vengono prima di tutto. E' una misura precauzionale, chi mi conosce sa che sono l'ultimo degli ipocondriaci, ma - continua Linus - se esiste anche solo un dubbio che possa essere pericoloso noi abbiamo il dovere di essere prudenti. Spero capirete, soprattutto quanto ci dispiace. Chi aveva comprato i biglietti ovviamente verrà rimborsato".

 

Anche lo sport paga pegno. Rinviata Ascoli-Cremonese; in Veneto stop al campionato di pallavolo e al rugby. Centinaia di gare rinviate anche nei palazzetti di basket, nelle piscine e sulle piste di atletica. "E' ovvio che i luoghi di aggregazione sportiva sono tra i posti in cui le difficoltà possono presentarsi maggiormente", ha ammesso il ministro Vincenzo Spadafora, dalle tribune dello stadio Olimpico di Roma (dove era in scena Italia-Scozia di rugby con 55 mila spettatori) avvertendo dunque dei rischi possibili che lo sport, anche quello di alto livello, possa in qualche modo subire degli stravolgimenti di calendario. Le federazioni sono tutte allertate e coinvolte.

 

Il sindaco di Milano: "No a sottovalutazioni e ad allarmismi" -  "Alcuni cittadini mi chiedono di chiudere gli uffici pubblici. E allora perché non gli stadi' O le aziende' O i negozi' Che differenza c'è' Stiamo seguendo questa crisi sanitaria con responsabilità, non sottovalutiamo niente, ma non vogliamo neppure fomentare allarmismi. In Prefettura verificheremo il da farsi: se sarà il caso di prendere misure specifiche, lo faremo", ha scritto il sindaco di Milano Giuseppe Sala in un post su Facebook. "Nel frattempo io sono qui a lavorare. A fare tutto quello che posso. Con serietà. E con spirito di collaborazione con le istituzioni che, più di me, conoscono le questioni relative alla gestione di questo virus", conclude.



>>

Comments
There are still no comments posted ...
Rate and post your comment


Login


Username:
Password:

forgotten password?